La salute a scuola

In questa pagina sono fornite le informazioni che riguardano le modalità di ammissione a scuola del fanciullo nel rispetto della normativa sanitaria regionale

Ammissione a scuola

Prima di iniziare la frequenza alla scuola per alcuni bambini è necessario un controllo da parte del Servizio di Pediatria Territoriale:

  • I genitori dei bambini stranieri e presenti in Italia da meno di due anni  devono   portare i  figli agli ambulatori della Pediatria  Territoriale previo  appuntamento telefonico e possibilmente prima dell'inizio della  frequenza  scolastica. E' necessario portare il certificato delle vaccinazioni già effettuate.  Per fissare un appuntamento telefonare il lunedì mattina al n° 051 6813657
  • I genitori dei bambini non residenti nel territorio dell'AUSL di Bologna o che  hanno eseguito le  vaccinazioni fuori  dal territorio dell'AUSL di  Bologna, devono portare il certificato di vaccinazione agli ambulatori della  Pediatria Territoriale del proprio Comune,  previo appuntamento telefonico

Allontamamento da Scuola

E' indispensabile indicare al personale della scuola il numero di telefono di un famigliare per i casi di necessità: i genitori devono essere facilmente rintracciabili da parte del personale scolastico in caso di malattie o infortuni del bambino.  Qualora si sospetti l'inizio di una malattia, soprattutto se contagiosa, il bambino può essere sospeso dalla frequenza della scuola da parte degli insegnanti, previa comunicazione ai genitori.

Certificato di riammissione

Il certificato di riammissione è necessario:

  • dopo un'assenza superiore a cinque giorni, compresi i festivi; se il bambino. ritorna a scuola il 6° giorno non occorre certificato; se ritorna il 7°, il certificato è necessario;
  • dopo una malattia infettiva o parassitaria, indipendentemente dalla durata.

Il certificato di riammissione ha una validità di tre giorni, compresi i festivi, salvo diversa disposizione del medico ed è eseguito dal Pediatra di famiglia o dal Medico curante.

Le assenze per motivi non legati a malattie non richiedono il certificato riammissione purché la famiglia abbia informato, prima dell'assenza, il personale della scuola.

Le malattie infettive a scuola

La Pediatria Territoriale chiede ogni anno alle scuole l'elenco degli alunni iscritti, con un numero di telefono di reperibilità effettiva della famiglia. Questo numero telefonico è necessario per contattare i genitori in caso di interventi urgenti per malattie infettive nelle collettività (ad es. meningiti, tossinfezioni alimentari, ecc.). Ogni informazione è trattata nel rispetto della massima riservatezza. Quando la Pediatria Territoriale viene informata della presenza di una malattia infettiva o parassitaria nella collettività, per cui siano necessari provvedimenti specifici:

  • verifica l'esattezza dell'informazione, se questa è fornita da personale non sanitario;
  • in caso di conferma della diagnosi, attiva provvedimenti per il contenimento della diffusione, che possono essere applicati, a seconda della malattia, a piccoli gruppi o all'intera collettività di bambini e adulti, in accordo con il Dipartimento di Sanità Pubblica;
  • informa le famiglie sugli eventuali provvedimenti da adottare; questa informazione potrà essere trasmessa, a seconda della malattia, attraverso una comunicazione individuale o altri mezzi, quali, ad esempio, avvisi esposti all'entrata della scuola.

E' importante che le famiglie e/o il personale della scuola informino con tempestività la Pediatria Territoriale su eventuali malattie infettive o parassitarie del/della bambino/a, per facilitare l'adozione dei provvedimenti.

Informazioni in caso di pediculosi

Come si indentifica una infestazione attiva?

Si basa in primo luogo sulla ricerca dell'insetto e solo in secondo luogo sulla ricerca delle uova (lendini):

  • vi è certezza di infestazione quando si trovano insetti sul capo. Non è facile comunque vederli perché si spostano rapidamente sul cuoio capelluto.        
  • vi è probabilità di infestazione se si trovano lendini a meno di un centimetro dalla base dei capelli o se queste sono  in numero molto elevato. Le lendini si trovano più frequentemente dietro le orecchie e sulla nuca.

  Un sintomo caratteristico è il prurito, anche se può comparire qualche settimana dopo I'inizio dell'infestazione. Come trovare gli insetti?

Come trovare gli insetti?

Il metodo migliore per cercare gli insetti è da eseguirsi sui capelli bagnati, con questo procedimento:

  • inumidire i capelli;
  • applicare un comune balsamo, con lo scopo di rendere più difficili gli spostamenti degli insetti.
  • Con un pettine normale togliere i nodi dai capelli: passare un pettinino a denti fitti a partire dalla radice dei capelli fino alla punta, avendo cura di toccare il cuoio capelluto (distanza tra i denti del pettine inferiore a 0,3 millimetri)
  • controllare il pettinino ad ogni passata per vedere se ci sono insetti: può essere d'aiuto una lente;
  • ripetere in tutte le direzioni fino ad avere pettinato tutti i capelli.
  • Le zone in cui porre maggiore attenzione sono la nuca e la zona sopra e dietro alle orecchie;
  • se si trovano pidocchi, pulire il pettinino passandolo su un tessuto o sciacquandolo prima di passarlo nuovamente tra i capelli; 
  • risciacquare il balsamo e ripetere nuovamente la ricerca sui capelli.

 L'operazione richiede circa 15 - 30 minuti, a seconda delle dimensioni della capigliatura. Il solo lavaggio dei capelli con un shampoo non è sufficiente per rilevare la presenza di pidocchi. Questa operazione può essere eseguita anche sui capelli asciutti per quanto possa risultare più fastidiosa.

Come fare se c'è I'infestazione attiva:

  • eseguire il trattamento con i prodotti antiparassitari consigliati dal medico o dal farmacista seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo;
  • controllare i conviventi (e le persone che hanno avuto con loro contatti stretti) e  trattare anche loro, solo se infestati;
  • bonificare pettini, spazzole, fermacapelli, ecc. in acqua calda (50-60") per 10    minuti poi lavarli con detergente;
  • non serve disinfestare gli ambienti o lavare spesso i capelli. E' preferibile concentrarsi sul costante controllo dei capelli e  sul corretto trattamento piuttosto che su una esagerata igiene ambientale;
  • togliere le lendini sfilandole con le dita ed aiutandosi con un pettinino a denti fitti passato su tutte le parti del capo;
  • riapplicare il trattamento antiparassitario dopo 7-10 giorni (è il tempo necessario per I'apertura delle uova che il  trattamento precedentemente effettuato potrebbe non avere inattivato).

Come si previene la pediculosi

Non è facile per i frequenti contatti diretti e prolungati tra le teste dei bambini e per il possibile scambio di oggetti personali come berretti e sciarpe a diretto contatto con i capelli, tuttavia è possibile contenere la diffusione dell'infestazione seguendo regolarmente le indicazioni sottostanti:

  • É  EFFICACE il controllo settimanale dei capelli da parte dei genitori per l'identificazione precoce dei casi con l'uso del balsamo come sopra indicato;
  • E' CONTROINDICATO I'uso di insetticidi a scopo preventivo: è una pratica dannosa che va scoraggiata. Aumenta infatti la probabilità di effetti avversi ai prodotti utilizzati e favorisce I'insorgenza di resistenze ai trattamenti;
  • E' UN COSTO INUTILE I'uso di prodotti "che prevengono le infestazioni". Non vi sono prove di efficacia di queste sostanze ed i genitori possono essere indotti a pensare che non sia necessario il controllo settimanale della testa;

ATTENZIONE: sono disponibili sul mercato numerosi prodotti coadiuvanti per la pediculosi, ma che non hanno attività specifica contro di essi e sono classificati come "complementi cosmetici". Si consiglia di porre attenzione agli acquisti perché alcuni di questi prodotti differiscono di poco, nel nome o nella confezione, da quelli che contengono i veri principi attivi per il trattamento.

Gli studi disponibili hanno dimostrato che la ricerca a scuola delle lendini (screening) non è efficace nella riduzione dell'incidenza della pediculosi. Lo screening scolastico non può quindi sostituire il controllo regolare da parte dei genitori. Per la frequenza a scuola:

  • è necessaria la riammissione del pediatra o del medico curante;
  • è necessario avere effettuato il trattamento antiparassitario;
  • è preferibile avere tolto tutte le lendini.

Infortuni

In caso d'infortunio che necessiti di cure mediche urgenti, il bambino è immediatamente accompagnato dal personale della Scuola secondo le disposizioni stabilite, per le scuole comunali, dal Responsabile dei Servizi Scolastici o dal Dirigente Scolastico per le scuole statali e private paritarie, in ambulanza, al Pronto Soccorso e contemporaneamente è avvertita la famiglia.

Farmaci

A scuola non sono somministrati farmaci, salvo i casi autorizzati dal medico della Pediatria Territoriale. L'autorizzazione dei farmaci è limitata ai casi di:

  • assoluta necessità
  • somministrazione indispensabile durante l'orario scolastico
  • non discrezionalità da parte di chi somministra il farmaco né in relazione alla individuazione degli eventi in cui occorre somministrare il farmaco né in relazione ai tempi, alla posologia, alle modalità di somministrazione e/o di conservazione.
  • fattibilità della somministrazione da parte di personale non sanitario adeguatamente formato.

Per ottenerne l'autorizzazione è necessario che il genitore presenti alla Pediatria Territoriale, la prescrizione del farmaco redatta dal medico curante e la documentazione sanitaria utile per la valutazione del caso (referti di specialisti e/o documentazione di eventuali ricoveri, ecc.). Il medico della Pediatria Territoriale analizza la fattibilità della terapia all'interno della scuola e rilascia l'autorizzazione direttamente al genitore. Il genitore, tramite compilazione di apposita modulistica, richiede al Dirigente Scolastico o al Responsabile dell' Ufficio Scuola del Comune per le scuole comunali, la somministrazione del farmaco in ambito scolastico. A questa richiesta va allegata l'autorizzazione rilasciata dalla Pediatria Territoriale. L'autorizzazione può essere rinnovata ad ogni nuovo inizio di anno scolastico oppure, qualora non vi siano modifiche nella prescrizione (tipo farmaco e/o posologia), la stessa può rimanere valida per tutto il ciclo scolastico. Il farmaco autorizzato va consegnato, in confezione integra, al personale scolastico indicato dal Responsabile dei Servizi Scolastici Comunali o dal Dirigente Scolastico (scuole statali e private paritarie), che Io trattiene per tutta la durata della terapia. Terminata la terapia il farmaco viene riconsegnato alla famiglia. L'autorizzazione rilasciata dalla Pediatria Territoriale contiene l'indicazione della capacità o meno dell'alunno ad effettuare I'auto-somministrazione del farmaco, ad eccezione che si tratti di farmaco di emergenza. Somministrazione ad opera di un familiare Un familiare, o chi esercita la potestà genitoriale, può chiedere espressamente al Dirigente Scolastico/Responsabile strutture educative di accedere alla sede scolastica per somministrare il farmaco o chiedere di permettere I'accesso alla scuola di una persona di sua fiducia. Modifiche o sospensione della terapia In caso di modifiche dell'intervento (posologia/modalità di somministrazione ecc.) o di sospensione della stessa prescritte dal medico curante, la famiglia deve fornire tempestivamente tale informazione alla Pediatria Territoriale insieme alla prescrizione del medico curante, affinché sia predisposta nuova autorizzazione di modifica o di sospensione da trasmettere alla scuola. Passaggio dell'alunno ad altro Istituto/Scuola In caso di passaggio o trasferimento dell'alunno ad altro Istituto è compito della famiglia informare il Dirigente Scolastico/Responsabile strutture educative ricevente e la Pediatria Territoriale del territorio di riferimento, fornendo la documentazione necessaria. Gestione del le emergenze-urgenze Nei casi in cui si configura una situazione di emergenza e/o urgenza il personale somministratore farà ricorso al Dipartimento di Emergenza- Urgenza (U.O. di Pronto Soccorso 118).

Le competenze della pediatria di comunità

La Pediatria Territoriale del Dipartimento Cure Primarie è costituita da medici, pediatri, assistenti sanitari, infermieri. Tutela l'inserimento in collettività dei minori, in collaborazione con gli altri servizi dell'AUSL e con le altre istituzioni. Le sue funzioni a questo riguardo sono:

  • autorizzazione alla somministrazione di farmaci a scuola;
  • promozione di un'alimentazione adeguata;
  • consulenza al personale scolastico e/o ai genitori su problemi specifici;
  • interventi di educazione sanitaria;
  • adozione di provvedimenti per le malattie infettive/parassitarie, secondo la  normativa vigente;
  • formazione per il personale scolastico;
  • programmazione ed attivazione dell'assistenza a scuola per bambini con malattie  croniche.

Ristorazione a scuola

copi principali della ristorazione scolastica sono fornire a scuola un'alimentazione equilibrata dal punto di vista nutrizionale e favorire l'adozione di comportamenti alimentari corretti. I menù proposti tengono conto sia delle indicazioni scientifiche più aggiornate, sia delle abitudini alimentari e dei gusti dei bambini. Pertanto i bambini vanno incoraggiati a consumare il pasto offerto a scuola che rappresenta un punto di partenza per l'educazione alimentare dei bambini, mediante un equilibrato apporto di nutrienti, oltre che occasione di aggregazione e di socializzazione con i coetanei. Si ricorda I'importanza della prima colazione a casa, che fornisce all'organismo l'energia necessaria per la nuova giornata dopo ir digiuno notturno. La ristorazione scolastica Matilde che serve la maggioranza delle scuole del territorio della Pianura Ovest prevede la possibilità di diete differenziate:

  • Le diete speciali di natura esclusivamente sanitaria per patologie o problemi sanitari, vanno prescritte direttamente dal Pediatra o Medico di Famiglia tramite la  compilazione del modulo apposito.
  • Le diete in bianco per i bambini che hanno avuto modesti disordini gastrointestinali può essere richiesta direttamente dai genitori ma solo per 2 giorni tramite compilazione della specifica modulistica da compilare e consegnare  entro le ore 9.00. Diete in bianco richieste per periodi superiori necessitano della  prescrizione del medico curante per dieta speciale su apposito modulo.
  • Le diete morbide per problemi di dentizione possono essere richieste direttamente  dai genitori tramite apposito modulo da compilare e consegnare entro le ore 9.00.
  • Le diete per motivi religiosi o scelte culturali vertono prevalentemente sulla  esclusione della carne di maiale o della carne in generale in abbinamento o meno con I'esclusione del pesce, non necessitano del certificato medico perché non sono  motivate da problemi di salute, e possono essere richieste direttamente dai genitori  tramite apposita modulistica.
  • Solo per i bambini del nido che richiedono diete  con esclusione di tutte le carni e lo di carne e pesce è necessaria anche la  firma del pediatra o medico curante.

    Feste a scuola

    In occasione di feste durante l'attività scolastica, i cibi introdotti per il consumo collettivo, non devono essere di produzione domestica ma preferibilmente alimenti preparati dalla mensa scolastica o acquistati in esercizi pubblici . Per le feste al di fuori dell'orario di attività scolastica, che si svolgono in presenza delle famiglie, il genitore è responsabile direttamente dell'assunzione dei cibi da parte del proprio bambino. Per prevenire l'eventuale insorgenza di tossinfezioni alimentari che potrebbero coinvolgere tutta la comunità, si consiglia in ogni caso, il consumo di alimenti "a basso rischio", non facilmente deperibili, come pizze, focacce, ciambelle o crostate, escludendo quelli con farciture a base di panna o creme.

Voi sapere come fare ad iscriverti alla nostra scuola?